ildoppiosegno al fuorisalone

di Monica Ferrigno e Carlo Dameno.
Puoi vedere i nostri progetti nel sito WWW.ILDOPPIOSEGNO.COM

lunedì 13 giugno 2011

per gli orfani della meraviglia




Ecco,
al momento questo spazio lo trasformiamo in fionda per le idee,nel senso che non ne formuliamo di personali e originali, ma ci limitiamo a rilanciare cose che sono nell'aria e che hanno il respiro dell'evento...parola abusata , ma concetto determinante..
...comunque, a voi un paio di "cosette" da aggiungere alla lista dei desideri per l'estate, pronti?
Via!
Visita al Maga di Gallarate per  L'anima del Novecento, andateci davvero, e di corsa,perchè questo è l'ultimo fine settimana disponibile per un incontro con la struggente poesia di Alberto Giacometti.
 Avete tempo fino al 19 giugno, ultima data disponibile anche per Art Basel che, chiudendo i battenti, lascerà la città più disponibile e accogliente per ospitare la coppia Serra-Brancusi,  in scena alla fondazione Beyeler a Riehn fino al 21 agosto giorno in cui traslocherà per meritate vacanze a Bilbao.
Partire, partire...sentire
m.


2 commenti:

  1. La casualità , il caos , l'imponderabile,l'insolito,l'inaspettato accompagnano le nostre vite e si celano misteriosamente nelle notti oscure o tra le fronde di un sottobosco interiore all'interno del quale si nascondono , come fauni dispettosi, che tendono trappole alla nostra razionalità e al nostro malcelato tentativo di controllare i nostri istinti e le emozioni più "forti" . . ci dibattiamo quotidianamente tra ragione e sentimento ma ciò appare come un insulto ogni qualvolta ci imbattiamo in ciò che arde come un fuoco perpetuo e inestinguibile , in talune persone , che nulla possono se non dare voce e luce a ciò che , consumandoli lentamente , rappresenta la loro grazia e , al tempo stesso , la loro maledizione . .
    è ciò che ha colpito me avvicinandomi all'Universo Giacometti , un universo popolato di stelle più o meno luminose , che gravitano all'interno della medesima galassia , dotate ognuna di luce propria ma irraggiate dalla luce folgorante del Sole Sacro dell'Arte come espressione prima e imprescindibile di un'urgenza di sè e di ciò che appare ai tuoi occhi , come visione unica e originale del proprio mondo . .
    il mondo di Giacometti è tutto rivolto a sè , al microcosmo di un piccolo studio polveroso e lugubre che diventa fucina vulcanica da cui esplodono lampi di luce ed energia pura che si fonde in un unico insieme fatto di bronzo,gesso,metallo e, soprattutto, occhi e teste di coloro che , invisibili ai più e inconsapevoli, rappresentano per Giacometti la fonte di energia più alta e pura di fronte alla quale anche un Rubens è destinato a "dissolversi". .
    la dissoluzione rapida e inevitabile rappresenta la vera sfida che impone a chi la percepisce il tentativo estremo e reiterato di fermare e fissare "materialmente" l'energia che fuoriesce dal corpo , in modo particolare dal volto , e richiede uno sforzo tale da determinare un continuo scollamento tra ciò che si "vede" e ciò che le mani riescono a riprodurre . .
    colpisce,in modo particolare, quel senso di disperazione e dannazione che nasce proprio dal non potere mai essere al punto di incontro tra sè e il mondo attorno , come un'eterno scollamento , una doppia esposizione in cui la nostra immagine si sovrappone , sfuocata, a quella del nostro mondo interiore . .
    la storia dell'artista non può prescindere da quella dell'uomo , e la storia personale di Giacometti non può prescindere dalla sua vita al punto che diventa impossibile, alla fine del percorso , capire chi amare di più . . e allora meglio non scegliere . . di fronte a Giacometti si impongono "soltanto" una grande, smisurata ammirazione e , soprattutto , un forte e fraterno abbraccio tra "uomini" , meglio se "ultimi" . .

    RispondiElimina
  2. ...direi che "qualcuno"ha affrontato un viaggetto fino a Gallarate..e, giunto lì ne ha intrapreso un altro decisamente più poetico.
    In periodo di partenze e affini è bello sapere che le strade riescono ancora a restituirci la magia del viaggio dell'arrivo in un altrove dove sorprendentemente ci sentiamo restituiti a noi stessi..anche solo per il tempo di un incanto.

    RispondiElimina